Faq

BATTERIE: info e sicurezza

ECOBONUS e INCENTIVI 2019 - 2020

  • Quali incentivi sono previsti per l'acquisto di stazioni di ricarica per il 2019/2020?

    ATTENZIONE:
    Dal 1° Marzo 2019. 

    Per le stazioni di ricarica all'articolo (art. 1, comma 1039, della L. 30/12/2018, n. 145 - D.L. 04/06/2013, n. 63), viene definito che la detrazione si potrà ottenere in questo modo:

    DETRAZIONE 50% IN 10 ANNI
    L'incentivo riguarda anche eventuali costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale, fino ad un massimo di 7 kW. I contribuenti potranno avere una detrazione del 50% fino ad un massimo di 3.000 €. Il rimborso sarà ripartito in 10 quote annuali per l’acquisto e l’installazione di stazioni di ricarica di potenza non superiore ai 22 kW, purché non siano accessibili al pubblico

    Scame offre alcuni prodotti in promozione per incentivare l'incentivo statale (copia-incolla questo link nel browser): https://e-mobility.scame.com/promozione-incentivi-wallbox-auto-elettriche-2019

    Offerta valida fino al 30/06/2020

     

  • Chi potrà usufruire degli incentivi e chi no?

    CHI POTRA' USUFRUIRE DEGLI INCENTIVI?
    Gli articoli citano espressamente anche le “parti comuni condominiali” come possibili destinatari della misura incentivante, evidenziando come il legislatore punti soprattutto agli utenti finali privati. Da tenere comunque presente come target potenzialmente interessato a usufruire dell’incentivi anche tutte le aziende che hanno aree non aperte al pubblico.

    CHI NON POTRA' USUFRUIRE DEGLI INCENTIVI?
    A nostro avviso restano “colpevolmente” escluse le categorie di esercizi commerciali aperti al pubblico, come ad esempio: negozi, hotel e ristoranti... ecc. che, viceversa, avrebbero potuto essere molto interessati.

    ATTENZIONE:
    Al momento non sono ancora stati emessi i decreti attuativi alla Legge di Bilancio 2019, nei quali saranno definiti i dettagli operativi, senza cui la legge non può essere applicata. Considerato che gli incentivi partiranno dal 1° Marzo, i decreti attuativi saranno emessi con tutta probabilità entro il 01/03/2019.

    LA LEGGE DI BILANCIO 2019 
    Quanto sotto riportato dalla Legge di Bilancio 2019 - Legge 30 dicembre 2018 , n. 145 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 31 dicembre 2018 e in vigore dal 1° gennaio 2019. (art. 1, comma 1039, della L. 30/12/2018, n. 145 - D.L. 04/06/2013, n. 63)


    Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il testo integrale del decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che puoi trovare al link qui sotto:

  • Quali incentivi sono previsti per le auto?

    ATTENZIONE:
    Al momento non sono ancora stati emessi i decreti attuativi alla Legge di Bilancio 2019, nei quali saranno definiti i dettagli operativi, senza cui la legge non può essere applicata. Considerato che gli incentivi partiranno dal 1° Marzo, i decreti attuativi saranno emessi con tutta probabilità entro il 01/03/2019. 

    ECOBONUS AUTO 2019

    Secondo gli articoli 1031 e 1032 le vetture che usufruiranno degli incentivi auto 2019 vengono distinte in due fasce, in base al valore delle emissioni:

    - Da 0 a 20 g/km di CO2 il bonus oscillerà tra 6.000 e 4.000 euro, a seconda che l’acquisto avvenga con o senza rottamazione.
    - Da 21 a 70 g/km di CO2 l’Ecobonus sarà compreso tra i 2.500 euro, in caso di rottamazione, e i 1.500 euro senza rottamazione.

    Gli incentivi saranno applicabili su tutte le auto nuove vendute tra l' 1 Marzo 2019 ed il 31 Dicembre 2021, con emissioni di CO2 fino a 70 g/km e con un prezzo di listino fino a 61.000 euro IVA incusa

    ROTTAMAZIONE
    In caso di rottamazione di un veicolo appartenente alla categoria Euro 1, 2, 3 o 4, in questo caso, gli incentivi variano da 6.000 fino a 2.500 euro, ma è bene ricordare come si debba sempre rispettare il tetto massimo di spesa per l’acquisto di 61.000 euro.

    Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il testo integrale del decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che puoi trovare al link qui sotto:

     

  • Quali incentivi sono previsti per le due ruote e la microbilità?

    ATTENZIONE:
    Al momento non sono ancora stati emessi i decreti attuativi alla Legge di Bilancio 2019, nei quali saranno definiti i dettagli operativi, senza cui la legge non può essere applicata. Considerato che gli incentivi partiranno dal 1° Marzo, i decreti attuativi saranno emessi con tutta probabilità entro il 01/03/2019. 

     

    ECOBONUS MOTO 2019

    l’Ecobonus vale anche per gli scooter e i motorini elettrici o ibridi. Il contributo, che può raggiungere al massimo il 30% del valore del mezzo, verrà erogato per chi rottama una moto o scooter Euro 0, Euro 1 ed Euro 2.
    I mezzi nuovi potranno essere acquistati solo in Italia, e dovranno rientrare nelle categorie L1e ed L3e, quindi con potenza massima di 11 kW o 15 cv. Nel testo del decreto si parla anche in dincentivi da destinarsi proprio ai veicoli elettrici di micromobilità: 25 milioni di euro da distribuoire ogni anno per i prossimi cinque anni. Criteri, modalità ed eventuale revoca saranno da definire entro Marzo 2019.

    MICROMOBILITA'

    Il testo recepisce per la prima volta in Italia l’indicazione di procedere alla sperimentazione della circolazione su strada di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, quali segway, hoverboard e monopattini. Criteri, modalità ed eventuale revoca saranno da definire entro Marzo 2019.

    Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il testo integrale del decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che puoi trovare al link qui sotto:

     

RICARICA DOMESTICA

TEMPI E COSTI DI RICARICA

LA NORMATIVA TECNICA

AUTO ELETTRICA: QUALI VANTAGGI?

  • È vero che con un’auto elettrica è possibile risparmiare anche sull’assicurazione RCA?

    Assicurare un’auto elettrica costa in media tra il 30% e il 50% in meno rispetto ad un’assicurazione tradizionale.

  • Quanto costa la manutenzione di un'auto elettrica?

    Un'auto elettrica è tecnologicamente frutto di molti studi complessi, ma molto più semplice a livello di componentistica, quindi di conseguenza è più semplice sia da costruire, che da riparare e soprattutto da manutere. Il costo di manutenzione di un’auto elettrica, infatti, è inferiore a quello di un’auto endotermica o con propulsione gpl o metano. Il motore elettrico ha poche componenti soggette a usura (come ad esempio la frizione) né liquidi di sostituzione come nei veicoli tradizionali ed è quindi più economico e più semplice da manutenere. Anche l’usura delle pastiglie dei freni è ridotta, grazie all'impiego dei sistemi di recupero dell’energia in fase di decelerazione. Infine, la vita di una batteria è paragonabile a quella della vettura e non è soggetta a manutenzione.

Gentile utente,
il sito web non è navigabile con Internet Explorer.
Internet Explorer non consente di utilizzare soluzioni di design e funzionalità moderne.

Utilizza Google Crome, Mozilla Firefox o la più recente versione di Edge per una corretta esperienza di navigazione.

Gentile utente,
il sito web è ottimizzato per essere visitato correttamente con la versione più aggiornata di Microsoft Edge (versione > 17).

Aggiorna la tua versione di Edge o utilizza Google Crome, Mozilla Firefox per una miglior esperienza di navigazione.

Procedi comunque